Menu

RECENSIONE: EDEN: Il paradiso può uccidere di Luca Leone

Buongiorno amici, giuro che vi penso anche se la mia presenza lascia un pò a desiderare ultimamente. Giuro, torno da voi. E a prova di quanto appena detto, ecco un assaggio di un libro da poco terminato (lo ammetto, mi sono presa il giusto tempo per leggerlo e vi spiegherò anche il perché). Ringrazio tantissimo l’autore e la casa editrice per la fiducia concessa al nostro blog.

Titolo: Eden : Il paradiso può uccidere
Autrice: Luca Leone
Casa Editrice: Infinito Edizioni 
Genere: Narrativa – Avventura
Formato: Digitale – Cartaceo
Prezzo: 4,36€ – 13,51€
Per acquistarlo cliccare qui
Voto: 5 /5

SINOSSI

Una spedizione scientifica sui generis, un incidente, l’ingresso in un mondo incredibile che dietro l’apparenza nasconde un segreto insvelabile. Un segreto di guerra e di dominio che fonde passato remoto e presente in un connubio possibile e fatale.
«Pensa a quei conflitti, a quelle dittature… o a quei nuovi governi che, pretendendo libertà e autodeterminazione, respingono la protezione dei nostri finanziatori e dei loro alleati. Che cosa ci hanno dimostrato e ci dimostrano, al di là di tutto? Che il binomio uomo-tecnologia non riesce, almeno non ancora, a venire a capo dell’incredibile capacità di resistenza, di adattamento, di trasformazione e di metamorfosi dell’essere umano. L’uomo è più forte di se stesso, insomma. E allora, laddove neppure la tecnologia può giungere, non rimane che risvegliare gli incubi del passato, i mostri ancestrali, gli istinti pre-umani, ciò che l’uomo non conosce e a cui, almeno sulla carta, non può né sa resistere. I finanziatori vogliono questo, e noi siamo quasi riusciti a darglielo…».

RECENSIONE

Eccoci viaggiatori, non a caso vi chiamo così perché il libro di cui vi parlo narra di un viaggio, ma non il classico viaggio che l’autore racconta bensì quello che il lettore vive leggendo questo libro.

Premetto che non è un genere a cui sono solita, ragion per cui, come sapete, quando mi cimento in questo tipo di letture lo faccio prestando particolare attenzione e prendendomela più “con comodo”.

L’autore mi ha particolarmente colpito per il modo in cui scrive, oserei definirlo “aristocratico”, elegante e al contempo culturalmente molto, molto elevato. Tiene il lettore sulle spine perché trovo ci sia un buon livello di suspance e ho trovato la lettura davvero interessante, come se stessi vivendo in prima persone le vicende di Luca.

La trama è incredibile ma ha del reale, fantascientifico a tratti senza mai perdere “la ragione”, avventura a più non posso, parla di come l’essere umano tenti sempre di “raggirare” i suoi simili, parla di politica ma non nel senso pesante del termine, e ci fa scoprire la Malesia, luogo in cui è ambientato il famoso viaggio di cui sopra.

Il prologo l’ho trovato strepitoso, come ho amato anche il modo in cui l’autore descrive i luoghi, come narra le emozioni, come Sara è sempre al centro dei pensieri e delle giornate del protagonista.

Insomma è un tipo di lettura che consiglio, ma consiglio davvero a tutti, perché se continuo a parlarvene sicuramente rischio lo spoiler (e non sia mai nel nostro blog!!), quindi avventuratevi anche voi in questo avvincente romanzo, non ve ne pentirete.

A presto, xoxo

Please follow us:
Tag:, , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *