Menu

RECENSIONE: La Scelta di Morgane Mentil

Buongiorno Amici, quanti di voi amano il genere distopico? Alzate la mano e leggete sotto perché il libro di cui vi sto per parlare tratta anche questo genere. Ringrazio di cuore Il Taccuino Ufficio Stampa per l’invio.

 

Titolo: La Scelta
Autore: Morgan Mentil
Editore: Self Publishing
Genere: Paranormal romance
Formato: Digitale – Cartaceo
Prezzo: 3,56€ – 12,00€

Per acquistarlo clicca QUI

Voto: 4 / 5

SINOSSI

Milano, giorni nostri. La città è colpita da improvvise esplosioni. In una di queste resta coinvolta Sarah Terenzi che per miracolo sopravvive. Da quel momento la vita della giovane giornalista cambia. E non solo la sua. Le distruzioni si moltiplicano investendo l’intero Pianeta – dal Brasile alla Cina, dagli Stati Uniti all’Italia – e quel che sembrava un piano ben congegnato da una cellula terroristica assume i contorni di una devastazione su scala mondiale mai vista prima. Al fianco della ragazza, l’amico ed ex-fidanzato Michele Fontini, giornalista ambizioso e con la propensione a cacciarsi nei guai, e il suo cameraman Andrea. Scoprire la verità non è cosa semplice ma Sarah ha un asso nella manica: nel parco cittadino in cui si sono verificati i primi attacchi nota un uomo che porta in salvo molte vittime e si scontra con un altro, un tipo strano, cupo e accigliato, di cui presto si dimentica. Di lì a invaghirsi dell’eroe sconosciuto il passo è breve: scovare quel tizio diventa per Sarah un’ossessione, come comprendere chi si nasconde dietro gesti apocalittici che paiono compiuti da folli terroristi. Salvata anche lei dalle braccia e dal corpo di questo semidio un po’ scontroso, tenta di approcciarlo, ma viene cacciata in malo modo. La giovane però non si arrende e quando sembra che il fato abbia soltanto tirato un brutto scherzo, ecco rispuntare quel fantasma sfuggente in tutta la sua statuaria bellezza, intenzionato a fare amicizia con lei. L’uomo misterioso, custode di segreti ben oltre l’immaginabile, non ha calcolato l’amore per Sarah e, incastrato fra un padre padrone e un’accesa faida tra fratelli, dovrà fare i conti con il ruolo cruciale ricoperto in famiglia, la missione più che straordinaria sulla Terra e una coscienza per troppo tempo ignorata. Sia lui, sia Sarah dovranno scegliere tra il cuore e la ragione, la morte e la vita, il buio e la luce, senza per questo abbandonare a sé stessa l’intera Umanità.

«[…] Erano tutti e tre, padre e fratelli, uno parte dell’altro, nulla a cui non fosse abituato. Non era invece preparato a ciò che avvertiva ogni qualvolta si trovava lontano dal ghiacciaio, in qualche altra zona del Pianeta, immerso tra i suoi abitanti, distaccato dalla propria famiglia. Allora sì, riusciva a percepirsi come un singolo essere vivente, provando una sensazione liberatoria che lo meravigliava. Non aveva mai immaginato di potersi sentire diverso da ciò che era sempre stato. Non credeva fosse possibile appropriarsi di sé stesso».

RECENSIONE

E’ davvero curioso, non mi era mai capitato prima di avere qualche difficoltà a definire il genere di un romanzo. Devo dire che quest’autrice con il suo libro sono stati non solo una bella challenge, ma anche una piacevole scoperta. Puntare su un genere distopico con tratti di Paranormal è una bella impresa, specialmente se stiamo parlando di un romanzo d’esordio. E l’autrice se l’è cavata alla grande. La cura del linguaggio utilizzato è esemplare, davvero sorprendente.

La premessa che faccio è che bisogna amare il genere per poterlo leggere, altrimenti non riuscirete ad apprezzarlo. L’ambientazione in una Milano odierna catapultata in un’atmosfera ricca di eventi eccezionali mi è piaciuta molto, la descrizione minuziosa che viene utilizzata permette al lettore di sentirsi parte della storia e poter percorrere questo viaggio insieme ai protagonisti.

Ho trovato però alcuni personaggi non molto maturi ecco, e casualmente mi riferisco a Sarah, che si butta a capofitto su di Vincent non facendosi due domande. E va bene il colpo di fulmine, ma avrei intrecciato diversamente la loro storia (mi riferisco solamente alla parte iniziale). Il nucleo del romanzo sono i tre fratelli e le loro diverse ma potenti personalità, mi è spiaciuto che i personaggi secondari sono stati un po tralasciati (e qui esempio ne è la famiglia di Sarah).

In nessun momento della narrazione, la storia risulterà banale o scontata, ma una piacevole sorpresa continua.

Mi sento di consigliare questo libro perché Morgane merita davvero una possibilità, e mi auguro che questa promettente scrittrice possa presto deliziarci con un altro suo lavoro-

xoxo

 

Please follow us:
error
Tag:, , , , , , , , , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *